This article was translated to Italian by Noemi Giusta.

Nel dicembre 2018, Grace Millane, laureata all’università di Lincoln, è stata uccisa in Nuova Zelanda da un uomo di 26 anni. Durante il suo processo, l’assassino di Grace impiegava disgustosamente la ruvida difesa per  “l’omicidio sessuale violento.”

Quindi, che cos’è la difesa del sesso violento?

Secondo il giurista americano George Buzash, la difesa del “sesso violento” con l’accusa di omicidio afferma che la vittima “chiede” di non essere accusato perché l’omicidio è il risultato di pratiche sessuali alle quali Grace ha acconsentito e addirittura chiesto.

Durante il processo del suo assassino (che non può essere nominato per motivi legali) la vita sessuale di Grace è stata esposta per poter essere esaminata da tutti in quanto ci sono tante analogie processuali di stupro.

A tali processi, le vittime riferiscono di provare vergogna per le loro esperienze di trauma dovute alle domande poste dagli avvocati della difesa.

Le storie sessuali delle donne vengono attentamente analizzate per adattarsi a una narrazione finale;  vengono anche chieste notizie su precedenti partner sessuali, vestiti indossati e perfino quanto fossero ubriachi, come se fosse una scusa per aver aggredito sessualmente una donna.

La storia sessuale di Grace

Molti attivisti per la giustizia delle donne hanno criticato il controllo della vita sessuale di Grace.

L’avvocato del suo Killer include le prove dell’ex fidanzato e uomo di Grace che aveva inviato messaggi su siti di incontri facendo sembrare che Grace stessa fosse sotto processo, senza modo di difendersi; inoltre alla giuria è stato riferito dell’interesse di Grace per attività sessuali come il BDSM e l’utilizzo di siti di incontri.

E’ come se questa fosse una prova sufficiente per dimostrare la sua difesa dell’omicidio di “sesso violento”, ma la storia sessuale di una donna non dovrebbe mai essere usata contro di lei che si tratti sia di un processo di stupro sia di un processo per omicidio in cui le donne non sono in grado di difendersi.

Gli attivisti hanno affermato di ritenere che Grace fosse “vergognata” durante il suo processo per omicidio e che la dura difesa del sesso è profondamente radicata nell’avversione di Grace.

Il Governo del Regno Unito cerca di vietare la difesa del sesso violento

Parlando con la BBC il 18 giugno, il Ministro Alex Chalk ha dichiarato che nella fattura di abuso domestico, avrebbero chiarito che la difesa è inaccettabile; questa legislazione sarà introdotta in Inghilterra e in Galles entro la fine dell’anno.

La famiglia Millane ha descritto i piani di Chalk come “notizie fantastiche.”

Grace non è di certo stata la prima, e certamente non sarà l’ultima donna a giustificare la sua morte di difesa del “sesso violento”. Un sondaggio commissionato dalla BBC Radio 5 in diretta ha chiesto a 2,002 donne del Regno Unito  di età compresa tra i 18 e 39 anni se avessero vissuto vari atti durante il sesso.

La maggioranza (59%)  aveva sperimentato schiaffi, 38% soffocamento, 34% il bavaglio, 20% lo sputo, 59% il morso. Il 44% delle donne desiderava questi atti. Il 29%  aveva detto che alcune volte gli atti erano indesiderati. Il 14% aveva detto che gli atti erano indesiderati per la maggior parte del tempo. Il 10% aveva detto che gli atti erano indesiderati per tutto il tempo.

Questa non è abbastanza buono.

Le donne non possono acconsentire ai propri omicidi; è necessario intraprendere ulteriori azioni su scala globale per garantire che le donne siano protette da questi.

La domanda non è se la difesa del “sesso violento” debba essere vietata, ma è perché è stato permesso di usarla in primo luogo.

Read also:
Grace Millane And The ‘Rough Sex’ Defense
Grace Millane Og Det “Røffe Sexforsvaret”
The Dark Side Of Sex Tourism In Asia